Previdenza

Dal 1° gennaio 1996 è stato introdotto il sistema contributivo, attraverso il c.d. decreto Monti-Fornero. Ciò vuol dire che per i lavoratori più giovani, o per coloro che avevano pochi anni di servizio a quella data, la pensione sarà calcolata sui contributi effettivamente versati durante l’intera vita lavorativa anziché sulle ultime retribuzioni. Questo comporta che il rapporto tra pensione e ultima retribuzione sarà decrescente. Pertanto aderire alle forme pensionistiche complementari, è un’opportunità per il lavoratore di costruirsi una rendita aggiuntiva a quella erogata dal sistema obbligatorio.

Per capire meglio il sistema pensionistico italiano:

 

Il presidente dell’Inps Tito Boeri presenta il progetto #lamiapensione

 

Buona navigazione 


Dillo ad un amico

Se ti piace questa pagina inoltrala ad un amico
Friend Email
Enter your message

Categorie

Furto, smarrimento, duplicazione di bancomat e carte di credito?