Tag Archives: mercati

  • 0

E’ Brexit, non Lehman

Tags : 

Prima era mezza dentro e mezza fuori. Ora è mezza fuori e mezza dentro.

Il cittadino del’Europa continentale che andava in Gran Bretagna si sentiva estraneo per almeno due fattori: doveva tirare fuori il passaporto e cambiare in sterline i suoi euro. Vale a dire che Schengen e l’euro, i due risultati più simbolici dell’Unione europea (e forse gli unici, dal lato dei cittadini), erano stati volutamente rifiutati dalla Gran Bretagna. Se un governo e un popolo rifiutano anche i simboli di un’unione, a maggior ragione se portatori anche di aspetti pratici, voleva dire appunto, che il paese di Albione (come già gli antichi greci chiamavano l’isola più grande del continente), pur se nominalmente nell’Europa unita, di fatto ne era mezza fuori.

La matematica dice che cambiando l’ordine dei fattori il prodotto non cambia, anche se i fattori non sono numeri ma due magiche parole come fuori o dentro. La geografia ha sempre considerato la Gran Bretagna parte del Vecchio continente, anche quando GB non era nell’Unione; ha continuato a considerarla dentro a maggior ragione quando è entrata nell’Unione; continuerà a considerarla dentro ora che i cittadini, in un referendum consuntivo, hanno chiesto di uscire.La parola shock ha dilagato fin da quando è apparso chiaro che vinceva, sia pure di misura, la #Brexit.

L’alimentazione del clima shock è venuta dai primi dati dei mercati finanziari in Asia e poi, dalle 9.00, con l’apertura delle borse europee. Eppure per mesi e mesi l’uscita è stata ritenuta più che probabile. Poi sono arrivate le quotazioni degli allibratori che offrivano possibilità di vantaggio maggiore a chi puntava sulla permanenza; e infine l’uccisione, con il coltello e pistola, quindi duplice, della parlamentare laburista Jo Cox, ha fatto pensare che la brexit non avvenisse. Basta un mutamento di previsioni all’ultimo momento per usare la parola shock, che per definizione è un accadimento assolutamente previsto e improvviso? E’ la retorica dell’autoalimentazione del pathos, della commiserazione reciproca. In questo caso della speculazione di peggiore stampo.

Quindi, a mio avviso, niente shock, semplice verificarsi di ciò che era nelle previsioni. E che non necessariamente avrà conseguenze funeste. Anzi, a parte il panico che inevitabilmente prende i risparmiatori senza particolari conoscenze del mondo. Come al solito il primo in Italia a ristabilire le giuste informazioni è stato Ennio Doris, che con la saggezza di chi partendo da zero ha costruito sulla gestione dei risparmi Banca Mediolanum.

 

Se sei interessato ai servizi di Banca Mediolanum (a Civitavecchia, Santa Marinella, Tarquinia, Viterbo, Santa Severa, Cerveteri, Ladispoli )
Ottieni Info

Giordano Cozzi
Family Banker. Investo molte ore della mia giornata, alla ricerca di informazioni finanziarie e bancarie, con l’obiettivo di dare un vero valore aggiunto a tutti i clienti.

  • 0

Il Fu titolo di Stato

Tags : 

Le obbligazioni presentate come rendimenti privi di rischi, ora sono rischi privi di rendimenti. Il finanziere Warren Buffet, considerato un oracolo sui mercati, liquida la situazione attuale con una battuta. Ma la realtà è, forse, ancora peggiore di quanto il suo sarcasmo possa descrivere. La grande crisi e la risposta delle banche centrali di mezzo mondo ha infatti creato sui mercati obbligazionari un paradosso: ormai molti titoli di Stato e molte obbligazioni aziendali hanno rendimenti negativi. Sotto zero. Chi le compra, in parole povere, paga un tasso d’interesse per prestare i propri soldi allo Stato o all’impresa emittente del titolo, in inglese il Bond. Avete capito bene: chi investe in titoli di Stato, oggi corre il rischio di non guadagnare nulla ma anzi di pagare un “dazio”.

tassi

E anche chi compra obbligazioni più rischiose, deve spesso accontentarsi di rendimenti molto bassi. Troppo bassi rispetto ai rischi. Ecco perchè investire oggi in obbligazioni è molto difficile: per avere rendimenti accettabili bisogna rischiare molto (e guadagnare comunque poco), altrimenti bisogna accontentarsi di nulla, O, addirittura, di “pagare” per investire i propri soldi. Per questo oggi è più che mai importante informarsi, anche per investire in bond. Tra il bail-in bancario, tassi negativi e rischi generali, serve una bussola anche per comprare strumenti semplicissimi.

La volatilità dei mercati finanziari e la crescente incertezza sul futuro impongono riflessioni che debbono andare al di là della pura logica di profitto a breve termine. Logica che finora ha sempre indirizzato le scelte di buona parte dei risparmiatori. Il mordi e fuggi sui mercati è un mestiere per esperti con ingenti capitali a disposizione. Per i piccoli risparmiatori realizzare un’attenta pianificazione finanziaria informandosi bene sui prodotti da acquistare è il primo grande passo per un buon investimento.

informazione-finanziaria-aritma-1024x476

Se sei interessato ai servizi di Banca Mediolanum (a Civitavecchia, Santa Marinella, Tarquinia, Viterbo, Santa Severa, Cerveteri, Ladispoli )
Ottieni Info

Giordano Cozzi
Family Banker. Investo molte ore della mia giornata, alla ricerca di informazioni finanziarie e bancarie, con l’obiettivo di dare un vero valore aggiunto a tutti i clienti.

  • 0

Borse 2.0 “la nuova era”

Tags : 

Il bilancio del trimestre

Dopo un avvio d’anno ad alta volatilità, complici la crisi della Cina e il crollo del petrolio, i listini hanno recuperato foto3con Wall Street che azzera il rosso nel trimestre: dai minimi recuperati 12mila miliardi di capitalizzazione. Milano e Madrid le Borse migliori a Marzo: a Piazza Affari perdite globali dimezzate (-15,19%). Il rimbalzo favorisce le classi d’investimento più svalutate: petrolio e mercati emergenti.

Se si volesse giudicare il primo trimestre 2016 delle Borse bisogna osservare il grafico dal quale si può chiaramente constatare il crollo pesante nel primo mese e mezzo seguito da un recupero. L’indice della Borsa americana è arrivato a perdere oltre il 9% per poi mettere a segno un rimbalzo dai minimi dell’11 febbraio di 11 punti.

L’indice Nikkei giapponese è arrivato a perdere il 19,9% per poi recuperare il 14,5 per cento. L’indice Stoxx600 europeo è crollato del 14,88% nei primi 40 giorni per riassorbire la perdita ad un -6,04 per cento.

La fotografia europea

Una panoramica a livello europeo sul rating del debito dei vari paesi e sull’outlook stabilito dalle varie agenzie internazionali. 

Le variabili Cina e petrolio 

I crolli della Borsa di Shanghai, le improbabili contromosse delle autorità per arginare i crolli e la decisione e la decisione della banca centrale cinese di svalutare lo yuan. Sono stati sopratutto questi eventi a scuotere i listini nei primissimi giorni dell’anno. Questa estrema ondata di avversione al rischio ha colpito tutti i mercati trainati al ribasso sopratutto dalla svalutazione delle materie prime, ( la classe di investimento più esposta in caso di rallentamento della Cina visto lo status di importatore di quest’ultima).

E’stato il petrolio in particolare, piombato a 27 dollari al barile a inizio febbraio, a catalizzare le attenzioni dei ribassisti, allora come oggi, resta condizionato da un problema molto difficile da risolvere: l’eccesso di capacità produttiva. E con il petrolio e le altre commodities a cascata hanno sofferto i Paesi emergenti e i titoli del settore petrolifero e minerario.

Le nuove regole per le banche

A questi elementi di incertezza globali, se ne è sommato un altro in Europa che ha riguardato la tenuta del sistema bancario. L’entrata in vigore nel 2016 del nuovo sistema europeo di risoluzione delle crisi bancaria, che ha introdotto il concetto di “bail in“(salvataggio interno ad opera di soci e creditori) in sostituzione del “bail out” (salvataggio con i soldi pubblici), ha messo in allarme azionisti ed obbligazionisti degli istituti meno solidi. In un contesto estremamente volatile come questo il settore bancario ha sofferto pesantemente.

 

Il ruolo dell banche centrali 

foto1Sta di fatto che, cosi come è sceso il mercato è risalito. Un rally quello dell’ultimo mese e mezzo, che ha premiato proprio le classi d’investimento più penalizzate come le Borse emergenti (+18% dai minimi) o il petrolio (+43,7%). Un rimbalzo che andato di pari passo con la svalutazione del dollaro (-3,34% la performance dai massimi di fine gennaio ai minimi di metà marzo) legato alla scommessa su una politica monetaria più accomodante da parte della Federal Reserve. Per ragioni diverse ha poi contribuito alla ripresa dei mercati anche la decisione della Bce di ampliare il Quantative Easing e di varare nuove misure di stimolo monetario. Misure che hanno favorito sopratutto il rimbalzo delle borse più bersagliate come Milano e Madrid.

 

 

Se sei interessato ai servizi di Banca Mediolanum (a Civitavecchia, Santa Marinella, Tarquinia, Viterbo, Santa Severa, Cerveteri, Ladispoli )
Ottieni Info

Giordano Cozzi
Family Banker. Investo molte ore della mia giornata, alla ricerca di informazioni finanziarie e bancarie, con l’obiettivo di dare un vero valore aggiunto a tutti i clienti.

  • 0

L’investitore Intelligente

Tags : 

L’emotività e un orizzonte di breve periodo possono minare le decisioni di investimento. E’ quello che emerge da una ricerca diNatixis Global Asset Management condotta su 2.400 promotori e consulenti finanziari tra Asia, Europa, America e Medio Oriente, 150 dei quali italiani. Nell’edizione 2015 della ricerca, promotori e consulenti finanziari hanno identificato i cinque maggiori errori che a loro avviso i risparmiatori commettono in un contesto di mercato non facile:

  • Decisioni guidate dall’emotività
  • Orizzonte di breve periodo
  • Mancanza di un piano finanziario
  • Obiettivi finanziari non chiari
  • Non rispettare il proprio piano

1101120123_6008 consulenti su 10 ritengono che prendere decisioni sull’onda emotiva sia il più grande errore che i risparmiatori possano effettuare, insieme ad avere un orizzonte troppo focalizzato sul breve termine e alla mancanza di un piano finanziario.

Nella stessa direzione vanno anche le riflessioni del più grande investitore di tutti i tempi, Warren Buffett, su quella che considera la sua principale fonte di ispirazione: The Intelligent Investor  (letteralmente “l’investitore intelligente”), il libro di Benjamin Graham.

Fare un buon investimento non è facile, ma applicando semplici e sagge regole di buon senso potremo puntare al raggiungimento dei nostri obiettivi.

Investire con successo nella vita non richiede un quoziente intellettivo stratosferico, competenze economico-finanziarie fuori dal comune o informazioni privilegiate. E’ necessario avere una buona predisposizione mentale nel prendere decisioni e l’abilità di non permettere alle emozioni di avere il sopravvento.

La storia ci ha dimostrato che i risultati  dipendono principalmente dai nostri comportamenti. Se adottiamo i comportamenti giusti, è possibile diventare più forte dei mercati. 

 

 

L’investitore Intelligente 

 I mercati finanziari oscillano, è nella loro natura. Apprendere il giusto atteggiamento verso le oscillazione dei mercati è un passaggio fondamentale nella formazione di qualunque investitore di successo, professionale o meno che sia.

Benjamin Graham

Se sei interessato ai servizi di Banca Mediolanum (a Civitavecchia, Santa Marinella, Tarquinia, Viterbo, Santa Severa, Cerveteri, Ladispoli )
Ottieni Info

Giordano Cozzi
Family Banker. Investo molte ore della mia giornata, alla ricerca di informazioni finanziarie e bancarie, con l’obiettivo di dare un vero valore aggiunto a tutti i clienti.

  • 0

Mercati che fare? Convegno a Civitavecchia

Tags : 

L’incontro si svolge il 28 Settembre dalle ore 19.30 a Civitavecchia, all’interno del porto turistico Riva di Traiano, presso lo Sporting Club, ed è indirizzato a tutti i risparmiatori, che in questo momento di crisi si sentono disorientati e impauriti. Durante l’evento verranno analizzate le principali minacce per i risparmi e proposte alcune strategie per gestire gli stessi in modo sicuro. Il format dell’evento, rivolto a tutta la cittadinanza interessata intende fornire non solo una visione realistica sui mercati, ma anche alcuni dettagli operativi per gestire l’emotività. Il relatore della serata sarà il Prof. Salvatore Cataldo – Analista, consulente ed educatore finanziario.

Invito Serata SPORTING CLUB

Un modo , dunque, per approfondire in modo concreto tematiche che spesso sfuggono nel dettaglio ai cittadini e ai piccoli risparmiatori

Cerando di rispondere alle domande che ognuno di noi si fa:

Che cosa sta succedendo?

Che fine faremo?

Cosa ci succederà… in futuro?

Ma l’Italia è ancora un paese sicuro?

Che cosa posso fare per… ?

Se sei interessato ai servizi di Banca Mediolanum (a Civitavecchia, Santa Marinella, Tarquinia, Viterbo, Santa Severa, Cerveteri, Ladispoli )
Ottieni Info

Giordano Cozzi
Family Banker. Investo molte ore della mia giornata, alla ricerca di informazioni finanziarie e bancarie, con l’obiettivo di dare un vero valore aggiunto a tutti i clienti.

  • 0

Investire consapevolmente

Tags : 

Investire consapevolmente: La svalutazione cinese ha mandato in rosso le Borse e fatto cadere il prezzo del petrolio. Anche il rialzo dei tassi americani non è più certo e la volatilità dei mercati può spaventare i risparmiatori e far perdere occasioni di investimento;

Ne parlano in questa puntata di Mercati che fare, Ennio Doris, presidente di Banca Mediolanum, e Andrea Cabrini, direttore di class CNBC.

Se sei interessato ai servizi di Banca Mediolanum (a Civitavecchia, Santa Marinella, Tarquinia, Viterbo, Santa Severa, Cerveteri, Ladispoli )
Ottieni Info

Giordano Cozzi
Family Banker. Investo molte ore della mia giornata, alla ricerca di informazioni finanziarie e bancarie, con l’obiettivo di dare un vero valore aggiunto a tutti i clienti.

  • 0

Speciale mercati finanziari

Tags : 

Il comportamento del risparmiatore determina il risultato dei suoi investimenti. Non fate passare questi momenti invano!”.

La crisi sul mercato cinese, contagia le economie di tutto il mondo, e sta portando molti investitori spaventati a liquidare i propri investimenti, con l’unico risultato di consolidare le perdite subite. Ma la storia insegna che ogni crisi genera gli “anticorpi” che condurranno ad una successiva crescita, per questo è importante saper attendere e approfittare di questi momenti.

Ce ne parla Ennio Doris, Presidente di Banca Mediolanum, in questo speciale dedicato ai mercati finanziari.

Buona visione!

 

Se sei interessato ai servizi di Banca Mediolanum (a Civitavecchia, Santa Marinella, Tarquinia, Viterbo, Santa Severa, Cerveteri, Ladispoli )
Ottieni Info

 

Giordano Cozzi
Family Banker. Investo molte ore della mia giornata, alla ricerca di informazioni finanziarie e bancarie, con l’obiettivo di dare un vero valore aggiunto a tutti i clienti.

Categorie

Furto, smarrimento, duplicazione di bancomat e carte di credito?